Pazzo

sei, poesia di nazim nikmet

Sono pazzo e ne sono certo, sono pazzo d’amore, pazzo come questa pioggia scintillante che cade, copiosa e lenta, così…. Si riversa sul viso e scivola in questo rogo aperto del mio cuore, così…. Una cascata di occhi, guance, mani, labbra e musica, si, musica che ricompone con la tua voce, ogni singolo pezzo, ogni singolo verso ti ricongiunge in una sola forma, la Tua.

Maneggi l’inferno con quella mano…. E la tua bocca s’inchiostra d’indelebile amore sulla mia; La tua mano, così morbida, mi scrive addosso amore, mentre i palmi si mischiano alle unghie, mentre scrivi la mia estasi, su di me ovunque. …. Non c’è dentro non c’è fuori, solo la tua mano che fruga nei roghi, piacere tattile…
Mi tocchi attraverso l’universo, invisibile e nelle vertigini cado giù, giù. …
Perché laggiù c’è un solo angelo all’inferno, e si chiama Amore….
E se questo Amore si chiama tenebra… Io sarò Satana, perché non c’è oscurità che non dia alla luce finché ci sei Tu.

Carmine Ferrante (02.01.16)

Annunci